Purga

Purga

Questo è il testo che ho scritto per lo spettacolo Parole d’Inciampo, organizzato da Arcigay Genova per il 4 febbraio 2018 in occasione del Giorno della Memoria.

Spettri. Vedo i loro volti, deformati, davanti a me. Sono ombre che fatico a comprendere. Ridono. Mi colpiscono. Mi interrogano. Mi feriscono. Poi il dolore mi annebbia i pensieri, fino a non capire più nulla. Leggi tutto “Purga”

La Principessa col Pisello

La Bella addormentata nel Bosco

C’era una volta un re, che regnava con giustizia e saggezza sul suo popolo e viveva felice con la regina sua sposa.
Quando nacque l’erede al trono, fu un momento di grande felicità per loro e per tutto il regno. Appena la regina si riprese dalle fatiche del parto, entrambi presentarono ai sudditi la principessa Aurora, una bambina così dolce e sorridente da farsi subito ben volere da chiunque.

Una cosa insolita era però successa, che aveva fatto arrossire timidamente i suoi genitori e tutti coloro che li avevano assistiti alla nascita. Aurora aveva il pisello. Leggi tutto “La Principessa col Pisello”

Hänsel und Gretel (DARK VERSION REMIX)

Casa di caramelle

Si aggirava sfinita e stanca per la sua casa. Consumata dalla fame di carne viva, strisciava le unghie aguzze sui ripiani della cucina. Da troppo tempo la sua mannaia giaceva sul tagliere insanguinata senza che riuscisse ad usarla.
Quella notte aveva inseguito una bestia notturna di cui si era cibata; non aveva neanche capito cosa fosse. L’aveva divorata e basta.
Quel giorno però accadde qualcosa di molto interessante. Si affacciò dalla finestra, stando attenta ad evitare il sole, e vide due bambini che camminavano intorno alla sua casa. Le sembianze dolci e accoglienti li avrebbero sicuramente attirati.
E così fu: bussarono alla porta. Leggi tutto “Hänsel und Gretel (DARK VERSION REMIX)”

Verde

Verde

Il verde era insistente, un colore presente in tutti i meandri del paesaggio che mi si presentava davanti. La sua insistenza era angosciante, sembrava tutto irreale ma ugualmente presente: era un vero e proprio incubo. Provai a girare gli occhi, provai a girare la testa: verde. Provai persino a chiudere gli occhi, ma la luce che mi passava dalle palpebre era sempre verde. Non mi era mai successa una cosa simile, non sapevo come chiamare questo fenomeno. Cominciai a correre, a correre, a correre. Sentivo i battiti del mio cuore come rimbombare nella mia gola. Leggi tutto “Verde”

Quello strano oggetto

Fiamme

Questo è un breve racconto che ho scritto negli anni ’80. Se non sbaglio ero a scuola e avrei dovuto seguire la lezione di italiano, ma… scrivere era stato molto più interessante!

C’era, in fondo ad una via del mio quartiere, uno di quei negozi di cose curiose, a volte molto antiche, dove mi soffermavo spesso. Mi avvicinavo alla vetrina e guardavo all’interno quello strano oggetto che da anni mi bloccava lì davanti. Ho sempre pensato che quello strano oggetto dovesse avere un significato: a guardarlo non si sarebbe detto, sembrava solo una statuetta senza una forma precisa; ma ero sicuro che a qualcosa dovesse servire, qualcosa di importante, molto importante. Ormai era diventato il mio sogno, la mia ossessione, quasi il mio incubo; io vivevo solo per quello strano oggetto. Quando ero a scuola pensavo solo a lui e tentavo di immaginare cosa avrei potuto farne; ma come potevo se sembrava così senza senso? Speravo di riuscire, un giorno, a comprarlo, per farlo mio; mio lui e i suoi segreti. Leggi tutto “Quello strano oggetto”

Quotidiana apertura di un armadio di identità

Stromae

Questo breve racconto nasce da una riflessione sulla compresenza in ogni essere vivente di maschile e femminile, di una parte più pratica e forte e di una più emotiva. La serenità personale è possibile solo nella riappacificazione dell’una con l’altra.
L’occasione era stata l’uscita del video “Tous Les Mêmes” di Stromae.

Come ogni mattina sono andato in bagno e dopo essermi lavato le mani mi sono guardato allo specchio. Attraverso la superficie lucida e luminosa vedevo riflettersi lo spazio intorno a me in una ripetizione magica della realtà. Una cosa sola non andava bene: al centro continuavo a non riconoscere la persona che vedevo. Mi scrutavo e mi controllavo, sapevo di essere io; sapevo però anche di non esserlo.
Svolsi tutte le consuete operazioni del mattino e tornai in camera a vestirmi. Dovevo scegliere cosa indossare e nel contempo dovevo scegliere chi quel giorno sarei stato. Leggi tutto “Quotidiana apertura di un armadio di identità”

Vuoto

Van Gogh

Ho provato a fingere che non fosse successo nulla illudendomi che fosse sufficiente girare pagina per riprendere una vita normale.
Oggi mi chiedo come ho fatto a raccontarmi una simile menzogna; avevo bisogno di quell’illusione e ho scelto di crederci.
Sentivo, nel profondo dell’anima, una ferita aperta che faceva male e stava ancora sanguinando. Era necessario aspettare per tornare a pensarci. Leggi tutto “Vuoto”

Ranocchio

Rane in accoppiamento

Questa sera, sotto una bella luna piena, voglio raccontarvi quello che mi è successo.

Ero sulla riva del mio stagno a grattarmi la pancia come al solito e mi stavo appisolando ascoltando il fruscio dell’erba.
Mi accorsi pian piano di una voce cristallina che si stava avvicinando; era un canto meraviglioso.
All’inizio mi lasciai incantare, ma improvvisamente divenni consapevole del pericolo.
Spuntò da dietro gli alberi una bellissima ragazza vestita di bianco e dai capelli biondi come l’oro. Sulla testa portava una corona regale. Leggi tutto “Ranocchio”